Google+

Link utili per approfondire il tema della psicoanalisi lacaniana e la Lidap 

 

Nel primo link: La Scuola Lacaniana di Psicoanalisi è stata fondata nel maggio 2002 e fa parte dell’Associazione Mondiale di Psicoanalisi. Riprende e sviluppa l’orientamento che Lacan ha dato alla psicoanalisi facendone una modalità di cura particolarmente duttile, svincolata da standard rigidi, versatile, agile. Questo ha permesso di estendere l’ambito d’applicazione della psicoanalisi, potenziandone l’efficacia nel trattamento.

Diversamente dai suoi predecessori, Lacan ha voluto una Scuola di psicoanalisi anziché una Società, perché ha messo nettamente l’accento sull’importanza della formazione degli psicoanalisti, che continua anche al di là del training istituzionale, con i controlli, le supervisioni, le discussioni di casi, il lavoro dei cartelli (piccoli gruppi focalizzati su specifici temi clinici o teorici).

 

La Lidap Onlus (Lega Italiana contro i Disturbi d’ansia, Agorafobia ed attacchi di Panico), è nata nel 1991 ed è attiva su tutto il territorio nazionale.

E’ un’associazione non-profit, fondata e gestita da persone colpite da questo disagio.

Gli scopi fondamentali, per cui essa esiste e lavora, sono:

  • diventare momento d’incontro tra persone che vivono lo stesso disagio e che vogliono evitare il destino di una vita da pazienti;
  • dare visibilità ed ottenere il riconoscimento degli attacchi di panico, dei disturbi d’ansia e delle fobie, a livello sanitario ed istituzionale;
  • essere momento di raccolta di informazioni, di studio e divulgazione delle diverse letture e approcci al D.A.P. e delle esperienze e possibilità terapeutiche esistenti sul disturbo;
  • fornire sostegno agli interessati ed ai loro familiari attraverso l’istituzione di un servizio di ascolto telefonico, di gruppi di accoglienza, di gruppi di auto-aiuto ed attraverso la diffusione di materiale informativo;
  • promuovere la conoscenza ed il riconoscimento della valenza terapeutica del gruppo di auto-aiuto; in quest’ambito è in atto la collaborazione, con altre associazioni ed enti, volta alla risoluzione di situazioni di sofferenza e disadattamento, alla elevazione della dignità umana, all’aumento della comprensione, alla tolleranza ed al sostegno dei disagi attraverso l’organizzazione di eventi ed iniziative comuni;
  • organizzare interventi presso la comunità nazionale, europea ed internazionale affinchè si attivino misure economiche, legislative, di assistenza sociale e socio-sanitaria in genere di inserimento e tutela in ambito lavorativo per i soggetti portatori dei suddetti disagi;
  • stimolare la classe medica per un miglioramento delle conoscenze e delle tecniche per la prevenzione, la diagnosi precoce e la terapia del D.A.P., visto che i soggetti colpiti raggiungono livelli d’invalidità ed esclusione sociale talmente elevati, che non trova ancora un riscontro adeguato nelle strutture preposte alla cura ed alla tutela.