[et_pb_section background_image=”https://psicolicitra.it/wp-content/uploads/2015/02/1916561.jpg” transparent_background=”off” background_color=”#ffffff” inner_shadow=”off” parallax=”off” parallax_method=”off”][et_pb_row][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Text” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]

I files audio raccolti in questa sezione sono registrazioni di interventi del dottor Licitra Rosa collocabili negli anni 2009, 2010 e 2011 nel quadro di attività seminariali a Roma e in altre città italiane.

 
NOTA BENE : I files, essendo molto pesanti, potrebbero richiedere del tempo prima di caricarsi. Grazie[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row][et_pb_column type=”2_3″][et_pb_text admin_label=”Seminario Uno” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]Conferenza sul SEMINARIO I
C’è dunque una precisa differenza fra riproduzione e rimemorazione. La riproduzione, per tornare un po’ ad Anna O., concerne la rievocazione di avvenimenti passati non diversamente dalla rimemorazione.
Testo completo

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Seminario Due” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]Conferenza sul SEMINARIO II
Tornando a La lettera rubata, il ministro è qualcuno che sta giocando, che sta scherzando col fuoco. La sua audacia è l’audacia della sfida di un soggetto umano nei confronti del suo partner-macchina, giacché quello che rimane dell’altro, una volta disimmaginarizzato, non è nulla di più che un’articolazione di significanti.
Testo completo

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Seminario Tre” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]Conferenza sul SEMINARIO III
Voi trovate quindi in questo seminario dedicato alle psicosi un’unificazione dei processi patologici (delirio, allucinazioni) al di là della loro apparenza fenomenologica.
Testo completo

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Seminario Quattro” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]Conferenza sul  SEMINARIO IV
Lacan dice: “Nulla potrebbe portarci ad una conclusione così inedita”, e cioè che l’oggetto è un significante. Niente, assolutamente nulla sul piano dell’esperienza umana ordinaria, “se non emergessero questi due oggetti inediti, che ogni tanto emergono per disturbare la nostra vita, che si chiamano oggetto fobico e feticcio”.
Testo completo

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Seminario CInque” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]Conferenza sul  SEMINARIO V
Lacan lo esplicita: il fantasma è ciò che ci indica come il soggetto si articola rispetto ai significanti. Cosa fa il soggetto allorché si rifiuta di pagare un debito che non ha contratto? Non fa che perpetuarlo.
Testo completo

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Seminario Sette” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]Conferenza sul  SEMINARIO VII
Vedete chiaramente come l’etica antica era l’etica dell’ideale, ed invece l’etica nuova che si affaccia, e che incontra nell’utilitarismo un momento privilegiato della sua espressione, è un’etica del reale.
Testo completo

[/et_pb_text][et_pb_text admin_label=”Seminario Undici” background_layout=”dark” text_orientation=”left”]Conferenza sul  SEMINARIO XI
Diciamo che fino a questo momento la pulsione è stata elaborata da Lacan come un’estrapolazione della catena significante. Fermiamoci un istante su questo aspetto.
Testo completo

[/et_pb_text][/et_pb_column][et_pb_column type=”1_3″][/et_pb_column][/et_pb_row][et_pb_row][et_pb_column type=”4_4″][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]